Senza categoria

Domanda catartica

Domanda catartica:

“Che cazzo sto facendo?”

E infatti…non lo so.

Sono in un momento della mia vita assurdo. Mi sentivo quieta e invece dentro ho un terremoto, e ora arriva lo tsunami.

Ho provato ad adattarmi.

Disperatamente.

In una cittá che, nonostante le andate e I ritorni, continuo a non sentire mia.

Mi sono fatta il segno della croce e ho detto stavolta andrá tutto bene.

E invece non va un cazzo.

Lavoro, ma con netta insoddisfazione economica.

É dura.

Ma non mi va di parlare delle implicazioni psicologiche dell’insoddisfazione lavorativa.

Della famiglia, della stanchezza, del maldischiena e dei miei sogni che sono stati buttati dentro un cesso.

Vita sentimentale.

Oddio. Oddio.

Nel delirio di uomini inadeguati, con la pretesa di farmi sentire inadeguata, ho principiato una storia strana.

Senza sesso.

Ho pensato a 34 anni, non importa il sesso. Ho dato.

Devo trovare un bravo ragazzo che basta che mi voglia un pó di bene. Fatto.

Credo nei legami, per cui ci provo.

Ma come si puó amare davvero senza sesso? Senza quello sporco sporcarsi l’anima con quella di un altro?

Senza odore, umori, sudori e palpitazioni?

Impossibile. Impossibile.

Il sesso é natura e amore.

Per cui oggi sono punto e a capo e Ricomincio.

Come sempre.

Meno acciaccata.

Ho maldigola perché fumo assai.

Ho avuto un otite forte e credo di non sentirci piú bene da un orecchio.

Leggo molto, dormo appena posso perché sono stanca.

E sogno. Sogno molto.

E cosí é accaduto che pensando a un sacco di cose ultimamente… ti ho ripensato.

Dolorosamente, ammetto che mi manchi.

Mi ero imposta che non mi saresti mancato piú.

Ma mi manchi cazzo, anche se una parte di me ti prenderebbe a sberle fino a dopodomani.

Cosí per tutti il bene che ti voglio.

Mi manca come mi sentivo anche se non c’eri.

Mi mancano I tuoi messaggi assurdi e la tua pelle ruvida.

I tuoi non baci.

Il tuo odore di olio di oliva.

Mi manca la neve, l’attesa e la speranza che prima o poi le cose andassero bene.

Mi mancano le promesse non mantenute.

Mi mancano gli addii detti con un “ti amo”.

Mi manca il lasciarci e non farlo mai veramente.

Mi manca anche avercela con te.

Ma non importa. Passerá.

Passerá questa bella, magnifica, stupefacente, giornata di merda.

Passerá la malinconia.

Passerá che passerá.

Come passi anche tu.

Annunci

Una risposta a "Domanda catartica"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...