Senza categoria

Sibilla che raccontava le storie.

Sibilla guardava il cielo affacciata alla finestra.
Così pieno di stelle le scaldava il cuore.
Aveva gli occhi rossi e il gatto sulle gambe.
Sibilla parlava alla Luna e le raccontava cosa aveva visto.
Nessuno le credeva a parte la Luna.
Le stelle intorno la stavano ad ascoltare.
Come un cantastorie.
La sua voce cantava di uomini, bambini, ferite e orti rigogliosi.
DI maree, draghi e sirene.
Di baci, ancore e scogliere.
E poi dell’uomo del faro che aspetta l’alba e del pescatore e del pesce d’oro che gli chiese la libertá.
Di torte, confetti e principesse tristi.
Di andate, ritorni, matrimoni e tradimenti.
Di Penelope e della sua tela di colori, di Matisse che amava danzare e di Margherita che era una strega e amava un Maestro triste.
Di Cappuccetto che odiava andare dalla nonna e di Alice che amava I gatti e I bianconigli, e di Agilulfo che  volò sulla luna per recuperare il senno del suo migliore amico. Di Cabiria e delle sue notti tristi, di un principe povero e di un povero pazzo, di amore, coraggio e pietá.
Sibilla aveva un dono, vedeva quello che gli altri non volevano vedere.
Vedeva oltre lo sguardo.
Vedeva oltre le parole.
Vedeva e parlava alla Luna.
Lei sapeva che le sue storie erano vere.
Perchè erano bellissime.

Scritto con WordPress per Android

Annunci

3 risposte a "Sibilla che raccontava le storie."

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...