amore · pensieri liberi · poesia a modo mio · vita amore dialogo a due

Gente della notte

Di notte.
Mi sento invisibile come un gatto randagio, che è libero perchè nessuno lo vede.
Di notte.
Mi sento un segugio silenzioso ed una spia russa.

Ti ricordi? l’attesa rende preziosa l’alba.
Di notte.
Mi manca il tuo respiro.
Regolare, vivo e scadenzato.
Come un orologio antico dal suono profondo e dalle le pendole assenti.
Di notte.
Mi manca il tuo abbraccio pieno e indifferente.
Non del corpo, ma dell’anima.

Con te.
Mi quieto e mi acquieto.
Mi affusolo e mi affianco.
Trovo spazio e mi accontento.
Trovo spazio e mi addormento.

Di notte.
Mi manca il sonno condiviso, come l’aria respirata.
È più densa.
È più vera.

E poi sai…
Di notte, non si dicono bugie.
Non esiste velo che le coprirá.
Di notte, non si dicono bugie.
Perchè siamo liberi.
Nessuno ci vede.
Nemmeno I gatti randagi e le spie russe.

E sai cosa?
Di notte mi manca il calore delle tue gambe e l’odore della pelle mischiata.
La tua alla mia.

Faccio bei sogni se dormo con te.

E allora facciamo che stanotte dormiamo insieme.
Per gioco.
Io vengo da te.
Mi poggio sul letto.
Tu non te ne accorgi.
Giá dormi.
Ti abbraccio un pò.
Ti stringo le gambe e le mani.
Poi vado via.

Scritto con WordPress per Android

Annunci

Una risposta a "Gente della notte"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...